GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI







Cerca

22 marzo 2018
  

I turchi, si sa, amano i gatti alla follia e sono pronti a fare passare un brutto quarto d’ora ai loro connazionali che non condividono la stessa passione. Ne sanno qualcosa gli abitanti di un quartiere di Smirne, che hanno cercato di fare sloggiare un felino da una panchina alla fermata dell’autobus, rea di rubare posto destinato a loro e di sporcare, e per questo hanno dato vita a una vera e propria rivolta sul web. 
Tutto è successo nei giorni scorsi, quando la città sul Mare Egeo è stata interessata da forti piogge. 
 
Una micina, dal pelo bianco ingrigito dallo smog e dal randagismo, si è messa a dormire su una panca sotto la pensilina della fermata dell’autobus. Un gruppo di persone ha cercato di allontanarla con le cattive. Per loro disgrazia, passava di lì il signor Davut Sabirsiz. Il suo cognome in turco vuole dire “senza pazienza” e, di sicuro, nei confronti di chi maltratta gli animali tolleranza ne ha veramente poca. 
 
Non solo ha difeso la micia, che ha continuato a dormire ignara del pandemonio che stava succedendo sotto a pensilina. Si è recato a casa ed è tornato con un cartello con su scritto “Lei sta qui’” riferito alla gatta, e una paternale che non finiva più nei confronti degli sventurati che non avevano avuto sensibilità nei confronti della gatta e l’ha postata sui social. 
L’immagine è subito diventata virale, con migliaia di condivisioni. Alla protesta contro questo gruppo di cittadini insensibili, che hanno subito una vera e propria lavata di testa virtuale. A Irma, invece, come hanno chiamato la gattina, le associazioni di tutela degli animali hanno portato coccole e cibo a volontà. 
 
“Sono arrivati molti messaggi anche richieste di adozione – ha raccontato soddisfatto Sabirsiz – ma questo di solito è un quartiere dove ci sono tantissimi gatti e la gente li tratta bene. Contro questi cittadini si sono scagliati anche le autorità locali. Ho portato la gatta dal veterinario comunale per farla visitare. Dobbiamo imparare a vivere insieme, uomini e animali, nell’ambiente che ci circonda”. 
Irma, intanto, si gode la sua notorietà, fusando e con il pancino bello pieno. 
Marta Ottaviani
http://www.lastampa.it/2018/03/22/societa/lazampa/gatto-gatti/gatto-indesiderato-alla-fermata-del-bus-ha-la-sua-rivincita-sul-web-grazie-a-un-volantino-PrG5TCgxveBOHiTUmOtuhO/pagina.html

 Questa news è stata letta 794 volte


comments powered by Disqus