GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI







Cerca
I CAT CAFE' CALICO

Reuters - Tokyo - Mar 4 Dic - 11.43


"Questo posto non è sulla strada per andare al lavoro, ma anche se sono un po' stanco mi fermo lo stesso", spiega un ingegnere trentaduenne mentre cerca di fotografare un gatto bengala bianco e marrone che si raggomitola in una scatola. "I gatti randagi scappano quando cerco di accarezzarli. Qui è fantastico poterlo fare", racconta Hamanaka che non può tenere animali a casa. Ogni volta che va al caffè scatta circa 200 foto per il suo blog.


Calico è uno degli almeno tre caffè aperti a Tokyo quest'anno nei quali i clienti possono giocare con i gatti mentre degustano la loro tazza di the.
Takafumi Fukui, il trentaquattrenne proprietario amante dei gatti da molto tempo, ha lasciato il suo lavoro presso una società di giochi televisivi e ha aperto il caffè in marzo.
"A Tokyo non è facile tenere dei gatti", dice, spiegando che le severe regole abitative spesso proibiscono gli animali.
Da Calico i clienti pagano sette dollari all'ora per stare in una grande stanza dove girano 14 gatti ben puliti e spazzolati.
Dopo essersi lavati le mani accuratamente i clienti possono giocare con i felini, leggere fumetti o semplicemente rilassarsi.


Il caffè ha circa 70 visitatori al giorno in settimana e 150 nel weekend.
"Voglio che tutti si dimentichino del loro lavoro e si rilassino", spiega Fukui, aggiungendo che la maggior parte dei clienti sono donne che lavorano e bambini, e che il 70% del totale non possiede gatti per allergie o regolamenti abitativi.


http://it.notizie.yahoo.com/rtrs/20071204/tso-tokyo-caffe-gatti-89ec962_1.html


 

Questa news è stata letta 2050 volte                                                                                     


comments powered by Disqus