GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI




Cerca

FIV L'immunodeficienza felina

Iniziamo chiarendo subito che la FIV, pur essendo una malattia simile al nostro AIDS, è però causata da un' altro tipo di virus che non colpisce l' uomo; quindi un gatto malato della  sindrome di immunodeficienza felina non trasmette HIV o quant' altro di simile a noi umani.
Nell' animale infetto il virus è presente nella saliva, nel sangue e nel liquido cerebro-spinale ma affinchè si verifichi il contagio è necessario un contatto profondo tra saliva e sangue il che avviene tramite morso. Quindi a differenza di ciò che accade nella FeLV la condivisione delle ciotole, delle lettiere e le reciproche pulizie fra gatti non rappresentano situazioni di rischio. Essendo il morso il metodo principale di trasmissione i maschi risultano piu' esposti alla malattia di circa 3 volte rispetto alle gattine a causa delle loro continue lotte e colpisce piu' frequentemente i  mici di età superiore ai 5 anni.

Nella FIV, analogamente all' AIDS umano, esiste una fase detta "finestra", nella quale il soggetto colpito dal virus, non avendo ancora prodotto anticorpi anti-FIV risulta negativo al test ELISA (che è basato sulla rilevazione dei predetti anticorpi). Per tale ragione se si sospetta che il micio possa aver contratto il virus può essere necessario ripetere il test a distanza: il periodo di latenza della malattia varia da 1 mese a fino 1 anno. La Sindrome di immudeficenza felina è una malattia progressiva la cui sintomatologia viene da molti medici suddivisa in 5 fasi caratterizzate principalmente dalla sempre piu' ridotta risposta immunitaria del felino.
-
  1 Fase: la mortalità' è estremamente ridotta ed abbraccia il primo mese d' infezione. I sintomi sono generici: febbre, abbattimento, diarrea, aumento dei linfonodi.
  2 Fase: è un periodo che può durare anche alcuni anni in cui il gatto appare in salute, non presenta cioè nessun sintomo.
  3 Fase: è  uno   stadio  della  malattia  caratterizzato  soprattutto dall' ingrossamento dei linfonodi a cui si associano dimagrimento, febbre, anemia, diminuzione dei globuli bianchi ed eventualmente infezioni secondarie determinate dall' indebolimento del sistema immunitario.
  4 Fase: la malattia è in fase avanzata i sintomi colpisco diversi organi o apparati con possibile sviluppo di neoplasie. Il gatto appare depresso è il suo stato generale si riflette sulla cute e sul mantello che assumono un aspetto decadente.
  5 Fase: l' AIDS è conclamato, è l' ultima fase, caratterizzata da numerose infezioni di diverso genere supportate da funghi e parassiti che trovano nel debole sistema immunitario del povero felino terreno fertile. Vi è, inoltre, un ulteriore sviluppo delle forme tumorali.
Non esistono trattamenti farmacologici o vaccinali efficaci l' unica prevenzione consiste nella castrazione dei maschi e nella sterilizzazione delle femmine.
.
E' purtroppo una malattia nefasta in cui i gatti colpiti possono comunque continuare vivere da 5 a 7 anni: spetta a noi "padroni" umani cercare di rendere questo, comunque lungo periodo, il piu' sereno e felice possibile.
 Questa news è stata letta 31351 volte


comments powered by Disqus