GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI




Cerca

13 gennaio 2012

Spett.le RTI S.p.A. Interactive Media


e p c LAV
         ENPA
         Autorità Garante Comunicazioni
         Direzione rapporti coi media WWF
         Gattopoli.it


Buongiorno, sono un Vostro utente. come tanti ho colto la filosofia della TV digitale terrestre e ho potuto conoscere nuovi canali della Vostra offerta. Da un lato non posso che complimentarVi con il vostro staff per le scelte fatte, dall'altro credo sia opportuno segnalarVi un importante elemento di indignazione circa la programmazione della prima serata: la fascia che va dalle 20 alle 22 del Vostro canale "Italia 2".

In questa fascia oraria, ho potuto vedere andare in onda documentari naturalistici "estremi" in cui il protagonista afferra selvaggina per la coda e la fa roteare e poi impattare su un sasso col fine di fracassare il cranio del povero malcapitato per far vedere come si possa mangiare in un luogo totalmente disabitato.

Parimenti preoccupante è il contenuto delle serie di cartoni "American Dad" e "I Griffin" in cui è facile imbattersi in scene che fanno dell'ironia circa l'uccisione cruenta di animali domestici come cani o gatti con automobili o altri metodi con relativo dolore dei padroni (di qualsiasi età). In particolare segnalo che nella puntata mandata in onda ieri sera (23 dicembre) della serie "I Griffin" si è potuto vedere che il protagonista uccide con accanimento un gatto (con esplicita visione della lama, del verso del gatto sgozzato e del sangue) di un suo amico perchè colpevole di avergli fatto perdere interesse verso le questioni ordinarie della cerchia di amici.


Tali scene, oltre a provocare un fortissimo dolore morale al sottoscritto, possono certamente essere parte filosofica degli show in onda: ma è bene tenere presente che considerata fascia oraria e attrattività per i più giovani del programma, è possibile che diano vita a scene emulative di cui certamente la nostra società non abbisogna ed inoltre svolgono una funzione di pessima educazione dei giovani al rispetto degli animali.


Sarebbe quindi auspicabile che tali programmi fossero messi in onda in fascia protetta, con adeguato avviso sul contenuto o in alternativa censurati delle parti violente verso gli animali.

--
Manuel da Roma


 Questa news è stata letta 6896 volte


comments powered by Disqus