GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI




Cerca

DA L'ARENA
 
29 NOVEMBRE 2010   Verona. Un lettore ci ha raccontato la sua odissea per avere assistenza dopo aver trovato due cani sulla strada, uno morto e l'altro ferito. Da quello che dice, non sembra proprio sia stato facile aiutare quelle due povere bestiole. E sì che il nuovo Codice della strada prevede che soccorrere gli animali feriti sia obbligatorio. Senza contare le numerose pubblicità fatte dalle istituzioni per sensibilizzare l'opinione pubblica con i numeri di telefono delle forze dell'ordine da chiamare in caso di ritrovamento di animali investiti. Ecco la lettera che ci ha inviato:
 
«Vi segnalo quanto accadutomi il 25 novembre, che mi ha lasciato sdegnato dall’atteggiamento dei pubblici ufficiali di Grezzano e Verona. Mi trovavo di passaggio in località Grezzano (VR), a pochi chilometri da Mozzecane; nel percorrere la strada principale del paese mi sono accorto della presenza di due cani al lato della strada: uno era steso a terra ferito e l’altro guaiva disperato. Accostata l’auto, mi sono accorto che un cane era vivo ma gravemente ferito (non riusciva a muovere le zampe posteriori). Non essendo del posto e non conoscendo la zona non sapevo come muovermi.
 
Un signore in bicicletta si è fermato vedendo il cane ferito, ma mi ha subito detto di lasciarlo li, tanto l’indomani sarebbe morto …
Ho subito capito che non mi avrebbe dato nessun aiuto a soccorerlo. Mi sono spostato in una viuzza laterale per verificare se il cane appartenesse a qualcuno, purtroppo con esito negativo.
Ritornato dal cane ferito, ho trovato una ragazza di un’abitazione vicina alla quale ho chiesto di contattare immediatamente la polizia locale per portargli soccorso. Ma la risposta che ha ricevuto è stata disarmante: le è stato risposto che era finito il turno e che se il cane fosse stato ancora li l’indomaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani gli avrebbero dato soccorso …».
 
«Sentita questa risposta», continua il nostro lettore, «mi sono rivolto al 112 per segnalare il fatto, senza ottenere alcuna risposta. Ho riprovato più volte con due telefoni ma sempre con lo stesso esito: il 112 non rispondeva. Allora ho contattato il 113 spiegando l’accaduto a un’operatrice della polizia di Verona che mi ha però risposto che non era di loro competenza e che avrei dovuto contattare la polizia locale e non i carabinieri». «A quel punto», prosegue, «ho fatto presente che né polizia locale né carabinieri erano stati di alcun aiuto e che avevo bisogno di assistenza, ma la risposta dell'operatrice del 113 è stata piouttosto secca: lei non sapeva cosa farci… e fine della telefonata».
 
«Ho quindi nuovamente ricontattato personalmente la polizia locale, e questa volta l'agente mi ha detto che stava uscendo qualcuuno per vedere il cane. E dopo circa trenta minuti o più , è arrivato l’ufficiale pubblico comunale. Era ormai sceso il buio, quindi data una rapida occhiata al cane, ha contattato prima il canile per confermare che il cane era ancora lì e solamente in seguito il veterinario…».
«Effettivamente non capisco l’urgenza di contattare prima il canile: se avevo segnalato un cane gravemente ferito credo non ci volesse un pubblico ufficiale per valutare se il cane fosse ferito o meno; del resto il poveretto si lamentava, non riusciva a muoversi e perdeva sangue dalla bocca …».
«Gli ho chiesto come avrei dovuto comportarmi qualora mi fossi trovato nuovamente in una situazione simile. Mi ha risposto che quello che avevo fatto andava benissimo, ma che purtroppo per la situazione di carenza di personale non potevano fare di meglio».
 
«Chiestole se potevo andare, mi ha risposto di si, notando però che l'ufficiale comunale se ne andava ad attendere l’accalappiacani nelle vicinanze del campo sportivo, a circa 200 metri dal posto dove eravamo e abbandonando il cane lì solo».
 
Un lettore che preferisce rimanere anonimo.

 Questa news è stata letta 7116 volte


comments powered by Disqus