GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI




Cerca
 
21 dicembre 2011
  
Mi riesce difficile in questo momento e a questo orario un pò insolito scrivere della mia amata gattina Nuvola che si è spenta da poco intorno alla 1 e un quarto, mentre io stavo tentando invano di trovare un veterinario notturno per farla addormentare in modo che non dovesse più soffrire, ma è stato inutile, nessuno era disponibile e una volta riattaccato il telefono e recatomi in sala, ho potuto constatare che lei non respirava più, se n'è andata. Una cosa molto dolorosa per me, malgrado avesse una certa età, 15 anni e mezzo e delle sue sorelle è quella che ha vissuto di più, solo avrei preferito che soffrisse di meno, invece ha avuto un'agonia abbastanza lunga e dolorosa, non voglio uscirne senza colpe, ho deciso troppo tardi per l'eutanasia e ho sbagliato, anche se le sue condizioni mi avevano fatto capire che non sarebbe arrivata al mattino e infatti così è stato.
 
Ogni volta che viene a mancare uno dei miei gatti soffro molto anch'io perché mi rendo conto di ciò che perdo e non potrò più riavere, dell'affetto che ho dato a loro ma che ho anche ricevuto e tanto peggio quando una cosa è inaspettata come è accaduto questa volta con Nuvola; è iniziato tutto circa tre mesi con un raffreddore che però non guariva mai, così un bel momento ci siamo decisi a farla vedere al veterinario più vicino che ci ha prescritto delle iniezioni di Fluimucil, ma malgrado questo trattamento doloroso che la faceva zoppicare un pò non ci sono stati risultati, così si è passati ad antibiotico per bocca, poi ho deciso di farle fare un prelievo di sangue dal nostro veterinario per vedere se era tutto a posto: nulla di grave, i valori erano abbastanza buoni per la sua età, però il veterinario avanzava dei dubbi e si è fatta anche una radiografia dalla quale ha capito che la situazione era grave al livello del naso e si trattava o di un'infezione fuori controllo o di un sarcoma.
   
 
  

Voleva farle il tampone al naso per definire la diagnosi, ma c'era il rischio, visto che era già un pò debilitata che non si risvegliasse dall'anestesia, così ho deciso di non farglielo fare, tanto non avrebbe risolto nulla e lui mi ha dato ragione. Poi, col passare delle settimane abbiamo deciso su suggerimento del veterinario di sospendere anche gli antibiotici per via orale, una inutile rogna per lei, mentre ci siamo preoccupati di nutrirla visto che da sola ormai non mangiava più e tenerle pulito e disinfettato il naso, un lavoro di mezz'ora tutti i giorni poiché si ostruiva a causa del liquido misto a sangue che le usciva e ormai era corroso anche all'esterno, tutto rovinato e ingrossato, gocce nasali al cortisone e una iniezione di Convenia ogni due settimane. Sono consapevole che nel nostro piccolo abbiamo fatto il possibile per lei, ma con i tumori c'è poco da fare e insisto nel dire che la medicina veterinaria è molto arretrata rispetto a quella umana, c'è ancora molto da fare per sperare di salvare i nostri amici a quattro zampe, invece, scusate se polemizzo, mi smbra che non si faccia un granché, come al solito perché gli animali contano meno degli esseri umani e questo mi fa rabbia. Negli ultimi giorni aveva perso le forze, ormai si trascinava, faceva fatica a deglutire poiché il tumore si era esteso anche ai linfonodi della gola, molto gonfi.
 
Avrei voluto che morisse in casa, assitita da noi e potesse ricevere le nostre carezze fino in ultimo, ma quando ho cominciato a sentire dei lamenti di dolore, contro la mia volontà ero venuto del parere di farla addormentare, solo ho aspettato un giorno di troppo, non per crudeltà, ma per troppo amore, per non farle fare un tragitto nelle condizioni in cui si trovava. Ora Nuvola si trova sul ponte e presto si ricongiungerà presto con Fifi che l'ha preceduta nel settembre del 2010 e Pallina, la più sfortunata, morta giovanissima nel lontano 1997 a soli 15 mesi di età. Rimangono ancora i loro genitori di 16 anni e mezzo, un pò acciaccati soprattutto papà Nerone che ha il diabete ed è magrissimo, mamma Sara e poi quel cattivone di Felix che è il più giovane con i suoi 6 anni e mezzo e anche il più ciccione tanto che dovrei tenerlo un pò a dieta visto che ha superato i 9 chili, ora dovrò continuare ad occuparmi di loro, anche se con tanta tristezza per le gattine che non ci sono più.
Allego alcune foto di Nuvola e della sua vita in casa nostra, nell quale è nata, ha sempre vissuto ed è morta; era dolcissima ed affettuosa, non ha mai dato problemi, buona come il suo papà e bella come entrambi i genitori.
   
Piango e piangerò ancora per lei come ho fatto per le altre micette, le ho amate e leamerò sempre, spero che un giorno ci ritoveremo.
 
Alex

 Questa news è stata letta 6490 volte


comments powered by Disqus