GATTI DA ADOTTARE
        GATTI ADOTTATI
        IN RICORDO DI
        SMARRITI e RITROVATI
        LETTERE A GATTOPOLI
        GADGETS
        EVENTI E CURIOSITA'
        RASSEGNA STAMPA
        MALATTIE DEI GATTI
        CONSIGLI UTILI
        ASSOCIAZIONI
        IL CLUB DI GATTOPOLI




Cerca


Ciao Elena,
 
tristemente sono qui a raccontarti la storia del mio micio Joe (mio e di mio marito)...sperando che possa toccare il cuore delle persone che leggeranno questa lettera!
 
Bè tempo fa ti avevo inviato la foto di questo battufolo bianco e nero che mangiava come un leone, un gatto pieno di vita mai fermo e sempre bisognoso di attenzione...purtroppo però a gennaio di quest'anno, Joe non aveva ancora 2 anni, ci siamo accorti che gli si erano gonfiati tutti i linfonodi, essendo positivo alla Fiv lo abbiamo portato immediatamente dal veterinario e da li è iniziato il suo calvario...il primo dottore ci aveva detto che era spacciato, immagina il nostro dolore. Pertanto siamo andati da un'altro che almeno ha tentato di capire cosa aveva con esami del sangue prelievi, nel frattempo a marzo i linfonodi si erano sgonfiati e Joe sembrava stare meglio ma ad agosto ha avuto un crollo, i reni hanno smesso di lavorare e ogni giorno che passava stava sempre peggio.
 
Domenica 26 settembre sembrava stesse migliorando, si è appiccicato a noi finchè eravamo seduti sul divano e ha preteso di mangiare il merluzzo che avevamo preparato per noi...quindi tutti contenti lo abbiamo ingozzato di cibo...purtroppo però era solo la quiete dopo la tempesta, lo abbiamo lasciato solo una mezzora e quando siamo tornati a casa lo abbiamo trovato che vomitava e non riusciva più ad andare in bagno...e abbiamo dovuto chiuderlo per la notte nella sua stanza perchè non sporcasse in giro sperando che la mattina dopo fosse passato tutto..invece alla mattina non riusciva neanche a stare in piedi e continuava ad avere male, cosi anche se con il cuore in mano perchè lui era diventato il ns. bambino peloso e non potevamo neanche immaginare la vita senza di lui abbiamo preso la decisione più dura della nostra vita...portarlo dal veterinario per un ultima puntura...
E' quasi due mesi che lui non c'è più e il vuoto che ha lasciato è sempre più grande, tornare a casa è triste perchè non c'è più questa palla di pelo che arrivava di corsa per salutarci non c'è più il suo amore infinito che ci dava quando eravamo li con lui.
 
Joe purtroppo ha passato con noi solo 2 anni e mezzo ma in questo tempo ci ha dato così tanto che neanche una persona in una vita riuscirebbe a dare.
 
Con questa lettera voglio dire a tutti quelli che mi leggono che certe volte se un gatto è nato o è più sfortunato di altri, può dare molto di più di altri gatti sani, come per Joe non appena abbiamo saputo della sua malattia ci siamo legati a lui molto e lui capendo ci ha dato tutto l'amore che aveva nel suo piccolo corpo anche l'ultimo giorno di vita quando non aveva la forza di respirare appena ci ha visto ci è corso incontro per salutarci.
Inoltre ritengo il dovere di dire a tutti quelli che hanno un animale malato che se davvero amate il Vs. cucciolo anche se è dura al momento giusto decidete di fare l'eutanasia
 perchè non soffra, lui non vorrebbe che Voi soffriste pertanto non siate egoisti pensate a quello che è meglio per lui, cioè non soffrire più del dovuto, lui darebbe la vita per voi, pertanto Voi dategli almeno una morte dignitosa.
 
Con questo è tutto un bacione allo spirito del ns. Joe che imperterrito continua ad aleggiare per le stanze della ns. casa....
 
Marinella e Mirko
 

 Questa news è stata letta 7396 volte


comments powered by Disqus