Castellarano, getta mamma gatta con 6 gattini nel rusco
venerdì 12 agosto 2011
I felini sarebbero andati incontro a una fine atroce, ma un cittadino ha sentito i miagolii e li ha salvati

Mamma gatta con uno dei gattini

 
CASTELLARANO - Aveva chiuso mamma gatta con i suoi piccoli di appena due mesi in un sacco dell'immondizia, gettato come nulla fosse in mezzo alla spazzatura. Poi, tranquillamente, è ripartito a bordo dell'auto. Per evitare che la gatta riuscisse a rompere il sacco, con un estremo atto di crudeltà le erano state legate tutte e quattro le zampe tra loro. E' quanto accaduto martedì pomeriggio nel Comune del plesso ceramico reggiano e a darne notizia oggi è Il Giornale di Reggio.
Non fosse stato per un secondo cittadino di nome Moreno, andato a gettare anch'egli il rusco pochi istanti dopo udendo così il miagolio disperato dei micini, i felini sarebbero senz'altro andati incontro a un atroce destino: morti soffocati o, ancora peggio, schiacciati dalla pressa dell’autocompattatore. A segnalare l’accaduto è Elena Vandelli di www.gattopoli.it, che ha lanciato un appello all’adozione dei micetti chiedendo a eventuali testimoni di contribuire a identificare il responsabile del reato, che da circa un anno viene punito con una multa fino a 30mila euro e la reclusione da quattro mesi a due anni.

 
"Mamma gatta è sottopeso ma sta bene - si è affrettata a rendere noto Elena - E’ dolce e affettuosa e anche se le si legge il dolore negli occhi continua a cercare carezze e, se si pensa quello che ha vissuto, è incredibile pensare come riesca ancora ad avere fiducia nell’uomo". I cuccioli sono vispi e sani, niente parassiti. "Inutile dire - ha aggiunto - che ora cerchiamo una famiglia speciale che li possa amare e che faccia loro dimenticare questa brutta esperienza che poteva avere un esito ben diverso".
Per chiunque fosse interessato all'adozione di uno dei cuccioli o di mamma gatta gli estremi sono 380-6587706, info@gattopoli.it oppure elena@gattopoli.it


 Questa news è stata letta 2830 volte


comments powered by Disqus